• Categoria principale: Notizie
  • Categoria: Ultime

Il Bitcoin: conviene ancora investire?

bitcoinLa domanda è di quelle che più di ogni altra sta circolando nelle teste dei tantissimi investitori che si rivolgono alla rete. I perché sono presto detti: si parla di uno strumento, il Bitcoin, quindi la criptovaluta più nota in assoluto, che negli ultimi anni ha lasciato registrare un boom enorme.
Una crescita a tanti zeri che ha avuto il suo culmine la scorsa estate quando ha lambito i 4mila dollari di valore. Un balzo da record, tanto per far capire la portata del dato solo nel 2017 questo prodotto si è rivalutato del 300%.


Poche volte uno strumento finanziario di qual si voglia natura era arrivato ad avere una rivalutazione così alta. E allora gli utenti hanno alzato le antenne e si sono lanciati sul mercato. Forse un po’ tardi potrebbe dire qualcuno; si è andati a chiudere la stalla quando i buoi erano già scappati. Perché puntare su un prodotto quando ormai ha già avuto in incremento di questo genere non è ovviamente la stessa cosa se paragonata alla lungimiranza di chi ha deciso di acquistare Bitcoin anni fa, quando erano sconosciuti.
Fatto sta che gli investitori continuano a puntarci alternando le diverse metodologie: perché sono tanti i modi per investire in Bitcoin. C’è chi ne acquista direttamente, online ovviamente, andando così a rendere più corposo il proprio portafogli virtuale noto come wallet elettronico. Anche qui, chi ha agito in questo modo anni fa, comprando quanto il Bitcoin era bassissimo e lasciando le monete parcheggiate nel proprio wallet, oggi si ritroverà sicuramente un capitale tra le mani.
C’è poi chi azzarda a investire in altro modo, senza acquistare direttamente i Bitcoin. Il tutto è possibile tramite trading online, quindi utilizzando una piattaforma virtuale sul web e facendo ricorso a strumenti quali ad esempio i Cfd, i noti derivati, grazie ai quali si può investire su un asset che non si possiede realmente.
A differenza della prima tipologia, nella quale si va a mettere da parte un quantitativo di moneta virtuale sperando in una crescita di valore, l’investimento tramite trading è molto più a breve termine, per la serie o tutto o niente; e ovviamente, anche più rischioso.
Di modi ce ne sono, quello che conta è forse soffermarsi sula domanda dalla quale siamo partito. Ovvero: vale ancora la pena investire sui Bitcoin? Probabilmente questa criptovaluta manterrà ancora i valori acquisiti, non crollerà sul mercato: certo è che acquistarla oggi, a cifre già cresciute, non rende quanto ha reso a chi vi ha puntato anni fa.

Condividi