• Categoria principale: Notizie
  • Categoria: Ultime

Strumenti del marketing tradizionale: guida su come muoversi

LemonprintNell’era del digitale, sono molti a chiedersi se il marketing tradizionale abbia ancora una sua validità. Una domanda che naturalmente si pongono anche le aziende che devono collocare i loro prodotti o servizi sul mercato e vogliono ottimizzare ogni singolo euro speso sotto forma di iniziative promozionali.
Per marketing tradizionale si intendono in pratica le tecniche offline, ovvero che non si propongono di pubblicizzare un determinato prodotto o servizio sulle infrastrutture digitali, bensì di utilizzare all’uopo materiali e tecniche che sono antecedenti all’avvento del web. In questa ottica una particolare importanza è rivestita proprio dagli strumenti utilizzati.


Il volantino è sempre attuale
Quando si parla di marketing tradizionale, il primo strumento che viene in mente è naturalmente il classico volantino, considerato ancora oggi il mezzo pubblicitario preferito dai potenziali clienti, come attestato anche dalle ricerche compiute dagli istituti di sondaggio. In particolare da Nielsen, che in un report del 2016 ricordava come il flyer sia preferito al digitale dal 64% del campione intervistato.
Una preferenza derivante da chiarezza, completezza d’informazione, utilità ed efficacia sul ricordo che lo distinguono. Prescindendo dai dati, va comunque sottolineato come il volantino rimanga uno strumento di comunicazione del tutto indispensabile in quanto riesce a raggiungere tutti i consumatori, anche quelli che sono tagliati fuori, per disparati motivi, da Internet.
 Inoltre è in grado di generare notevole interesse riuscendo infine a costituire uno stimolo potente verso una potenziale possibilità di acquisto. Da ricordare poi che oggi la stampa di volantini può anche essere fatta comodamente online.
Gli spot televisivi
Il secondo strumento che continua ad essere molto utilizzato dalle imprese le quali intendono pubblicizzare la propria attività o produzione è lo spot televisivo. Se è ormai finita da decenni l’era di Carosello, la pubblicità sulle grandi reti nazionali è ancora oggi considerata indispensabile al fine di raggiungere larghe fette di pubblico. Il rischio, però, è quello di non riuscire a raggiungere il risultato sperato a causa della mancanza di qualità dello spot e della sua incapacità di generare curiosità e veicolare un messaggio positivo, provocando magari un fastidio che può risultare infine esiziale per le sorti della campagna.
Telemarketing: conviene realmente?
Così come occorre fare molta attenzione quando si utilizza un altro strumento classico del marketing tradizionale, ovvero la classica telefonata a freddo. Il telemarketing, in effetti, più di una volta è stato messo sotto accusa dalle stesse associazioni dei consumatori a causa dell’evidente fastidio che può essere generato dal ricevimento di una telefonata avvertita come una sorta di indebita intrusione nella propria vita da parte di chi la riceve. Proprio per questo si tratta di uno strumento da maneggiare con molta cura.

Condividi